lunedì 19 luglio 2010

Savinja, Luglio 2010 (Parte 1)



Attraverso un salto di 90 metri sulle rocce (cascata Rinka) nasce nell' alta valle Logarska dolina, una delle piú belle valli d’Europa, il fiume Savinja. Più della metà del suo corso, lungo 95 km, è popolato dalle specie più interessanti per un pescatore a mosca: la trota fario e il temolo, ai quali da Ljubno in poi fanno compagnia anche la trota iridea e l’hucho. Per un pescatore a mosca il fiume Savinja è più bello nella sua valle superiore - Zgornja Savinjska dolina dove in primavera verso la metà di maggio, scarica le acque nevose. Nella seconda metà del mese è già una vera goduria per la pesca alla mosca secca. Il pesce è ben presente e la pesca continua con successo anche nel mese di giugno. Con i mesi caldi il livello d’acqua diminuisce e i pesci diventano sempre più selettivi. In questo periodo la pesca alla mosca secca è limitata alle ore mattutine e serali, mentre per la pesca con la ninfa non ci sono problemi.
Arrivo a Luče ore 07.30, scarico valigie, colazione e subito in direzione Ljubno per i permessi. Si opta per per la zona 2 (da quest' anno con il permesso per la zona 2 si puo fare anche la zona 1)
Inizio pesca ore 08.45.
Ovviamente grazie alla nostra buona "arte diplomatica", faciamo conoscenza con il responsabile per la gestione della pesca dell'istituto di Ljubljana e il responsabile della RD Ljubno. Dopo avere fatto 4 chiacchere ci porta  a pescare in un tratto ( zona 3, esclusa dal nostro permesso), dove dicono esserci molte trote di ottima taglia.
Ci dividiamo e andiamo un pò a monte e un pò a valle della zona indicata.
Subito arrivano in serie numerose catture sia da una parte che dall'altra.
Pacchiero's in tenuta estiva (la temperatura era circa 32 gradi) con una bella cattura





Altre catture



Per l' insidiosa trasferta slovena la squadra ha deciso di scendere in campo con un tridente d'eccezione: a sinistra il Raffa, a destra Pacchiero's e nel mezzo il grande Tommy pronto a buttarla dentro.
A fine mattinata prima del ritrovo "pausa pranzo"..si fa un salto nel tratto sotto la briglia a monte dell' allevamento dove tra un kajak e l'altro si riesce a cattura qualche temolo e qualche fario.

La prima sessione quindi si conclude con buoni risultati, circa 30/35 catture in 4, con alcuni esemplari oversize e diverse rotture di finali.............La pesca è stata fatta quasi esclusivamente a secca nonostante il sole, la temperatura africana e la quasi totale assenza di schiuse.
Alcune foto delle vasche dell RD Ljubno
Fine Prima Parte

Fly Fishing

0 commenti:

Posta un commento